Mystery: il gran finale! 

Centinaia di pezzetti da assemblare… ma ormai è semplice! Solo ninepatch!

E il risultato è questo:


(un grazie ai miei reggi-quilt)

È il primo quilt grande che trapunto sulla longarm senza pantograph… tanto da migliorare (soprattutto le piume che fanno pietà ma che nel frattempo ho capito come fare… per il prossimo!), ma come imparaticcio non è tanto male.

Work in progress del quilting

Montaggio sul telaio:

E via che si parte!

Qualche dettaglio dopo il lavaggio (si nota che l’imbottitura ristrettasi un pochino ha dato l’effetto più a rilievo):

Avventura finita! Rientrato dal raduno finirà sul mio letto e non lo vedrete più… Se volete farlo gli schemi li trovate nel forum.

Spero vi siate divertite a cucirlo con me… non vedo l’ora di mostrarvi i top completati dalle tante forumine che mi hanno dato fiducia cucendo con me questo quilt senza sapere come sarebbe diventato!

A presto,

Milena

Un regalo…

Regalare un quilt non è una cosa che faccio senza pensare… Chi lo riceve deve sapere il lavoro che ci sta dietro! Le ore che si passano a progettarlo o a cercare il pattern adatto, il tempo impiegato a sceglier le stoffe, accostare i colori. Poi il taglio della stoffa, il cucire, lo scucire, lo spillare, lo stirare e ristirare. Altre ore per quiltarlo, rifilarlo e fare il binding che cucio a mano.

Ma sulla coppia di amici che oggi si sono giurati amore eterno e che riceveranno questo quilt posso mettere la mano sul fuoco! Dovreste vedere le loro partecipazioni per capire… 

Auguri Anna e Paolo! Che questo quilt possa farvi compagnia durante le vostre scorrazzate a bordo dell’Otto! Sulle ginocchia la sera quando scende la nebbiolina o steso sull’erba in una giornata di sole! 

  
Milena

Serata di trapunto…

Questa sera ho trapuntato il bargello! Un semplice motivo allover, ma più complicato di quello fatto sul quilt per mia mamma! All’inizio le curve non mi uscivano perché mi ostinavo a seguire la linea con il laser… Ma chi volete che controlli se è perfettamente uguale al modello? Nessuno! Quindi ho trapuntanti più o meno sul modello ma più sciolta… È finalmente sono arrivate pure le curve!

Le imprecisioni sono ancora tante… Troppe! Ma imparerò!

   (il disegno del trapunto è Honeysuckle di Patricia Ritter per Urban Elementz)

  

Binding e poi la foto del quilt completo!

Yuppiiiii!!! Meno uno!
Milena

Corsi con Sue Patten

 

 

logo-patchwork

Durante il Carrefour Européen du Patchwork ho frequentato 3 corsi di 3 ore e mezzo con Sue Patten che ci ha insegnato diversi trucchi da usare con la longarm.

Abbiamo usato la Handi Quilter Avanté, che è anche la macchina che ho io. Qui a casa non sono mai andata oltre l’imparaticcio… anche se ce l’ho già da giugno.

Ma quest’estate avevo il lavoro di diploma da scrivere e 2 rapporti da scrivere… insomma: tempo per cucire meno di zero!

Infatti sono in ritardo anche con il Jelly Roll Round Robin e con tutti i BOM. Ma sto recuperando…

Tornando ai corsi con Sue Patten, è stato davvero illuminante! Eravamo poche allieve, quindi è riuscita a dedicarsi a tutte noi! Ci ha spiegato alcune cose che mai, in nessuno dei numerosi libri sul longarm quilting che ho, avevo letto! Quindi felice e soddisfatta al 100%!

IMG_7216stupenda! 🙂

IMG_7224

IMG_7182

IMG_7218(guardate che bei stivali!!!)

IMG_7142

 

FullSizeRender

0e3ff-sewnwithloveimage1 (1)

 

Ad ogni corso Aurifil ci ha regalato un grosso cono di filo… wow! Grazie Aurifil!

Che dire di più? Aspettate e vedrete se riuscirò a mettere in pratica quanto appreso… Speriamo!

 

Milena